METODO IADC

Il metodo IADC per superare il lutto e rinascere

Il metodo IADC, derivato storicamente dal metodo Emdr, è arrivato in Italia grazie allo IONS Italia. Prima la traduzione e co-pubblicazione del libro del dott. Botkin e poi la formazione del primo gruppo di professionisti italiani che nel 2015 sono stati certificati Trainer IADC.

In un anno abbiamo potuto raccogliere decine e decine di casi clinici di successo riportati dai terapeuti Italiani.
Siamo realmente molto sorpresi dai risultati del metodo IADC.

Abbiamo deciso di invitare uno di loro per farci raccontare la sua esperienza clinica: la dott.ssa Myriam Lopa.

Qui di seguito il testo e l’audio di presentazione della dott.ssa Lopa.

Ciao,

sono la Dottoressa Myriam Lopa, psicologa, coach e formatrice, e oggi sono qui per parlarti della tecnica IADC per il superamento del lutto.
Forse ne hai sentito parlare, o forse no. Forse ti è già capitato di soffrire per la perdita di una persona cara; magari conosci qualcuno che si trova in una situazione di disagio emotivo e psicologico proprio a causa di un lutto.

Sappi che metabolizzare una perdita non è mai facile, soprattutto se la persona defunta ha rivestito un importante ruolo nella nostra vita. Ecco perché, con la sua dipartita, se ne va anche un pezzo del nostro cuore.

Ogni tipo di dolore è diverso dall’altro, perché ognuno di noi è unico, TU stesso lo sei; tuttavia la tecnica IADC si basa anche su princìpi universali della mente, ecco perché nel corso degli anni ha dimostrato di essere la risposta giusta per superare il lutto velocemente e per riprendere in mano la propria vita.
Il metodo IADC è insomma una tecnica straordinaria, e lo dimostra la grande efficacia sul piano clinico da 20 anni a questa parte su migliaia di pazienti negli Stati Uniti e poi in diversi altri Paesi del mondo. Solo molto più tardi dalla sua scoperta è finalmente approdata in Italia, e oggi può beneficiarne chiunque ne abbia bisogno anche nel nostro Paese. Il suo scopritore, lo psicologo Alan Botkin, afferma di non conoscere nessun’altra tecnica psicoterapeutica così efficace.

Il metodo è rapido, risolutivo e assolutamente privo di controindicazioni.

Nel corso della mia carriera qualcuno mi ha chiesto se si tratti di ipnosi. Assolutamente no! Il paziente rimane sempre attento e vigile. Si tratta di un metodo basato su una particolare procedura di stimolazione bilaterale del cervello attraverso il movimento accelerato e laterale degli occhi. Ciò mette il paziente in “modalità recettiva” e predisposta ad elaborare il lutto a livello conscio, e quindi in maniera definitiva.
Potersi mettere “faccia a faccia” con le proprie emozioni al posto di doverci convivere passivamente è molto importante. Se l’emozione è “dietro di noi”, ci schiaccia con il suo peso. Ma se ci mettiamo, per così dire, “di fronte a lei”, possiamo affrontarla con la dovuta delicatezza e metabolizzarla.
Ci sono oltre tremila casi documentati di successo della Tecnica IADC.

Se stai soffrendo per la perdita di una persona cara, affidati con successo a questo metodo rivoluzionario ed efficace.
Rinasci.

Meriti di essere felice.

 

L’incontro si terrà a Torino. Clicca qui per conoscere tutti i dettagli.

Se hai un problema nell’elaborare un Lutto, tuo o di un tuo caro, e vuoi approfondire cosa propone il metodo IADC, scrivici (clicca qui) e ti metteremo in contatto con un professionista a te vicino.

 

Scritto da Andrea Leone

Andrea Leone

Fondatore e Referente della community group italiana IONS Italia. Ideatore, organizzatore e moderatore di eventi culturali.
Consulente editoriale e co-responsabile della collana NOETIC (UNOEDITORI). Blogger e articolista su temi di convergenza tra scienza salute e spiritualità.

0 commenti

Lascia un Commento

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *